Risultati positivi arrivano dalla sperimentazione dei robot teleguidati all'interno dei reparti di Oncoematologia pediatrica dell’ospedale Infantile Regina Margherita e di Ginecologia e Ostetricia 1 universitaria dell'ospedale Sant'Anna, oltre che nella sede di CasaOz in corso Moncalieri.

La sperimentazione dei robot della Double Robotics, connessi alla rete TIM, era iniziata nel periodo di emergenza Covid-19 nel contesto di Torino City Love, con l'obiettivo di mantenere un "contatto umano" fra pazienti isolati, medici, operatori e famiglie. 

Nella riunione di sintesi tenutasi in questo periodo, l'Ospedale Sant'Anna ha evidenziato che "l’uso del robot è stato particolarmente utile nel consentire un facile e costante colloquio del personale medico e infermieristico con le pazienti poste in isolamento".

Il Regina Margherita ha sottolineato l’utilità dello strumento "sia per i medici nella fase di comunicazione della diagnosi alle famiglie sia ai pazienti in età pediatrica isolati nelle loro stanze per una comunicazione efficace con le famiglie e per la partecipazione da remoto ai laboratori realizzati dall’Associazione UGI".

CasaOz, invece, ha espresso la propria soddisfazione su quanto "l’uso del robot in mobilità e in numerose applicazioni sia stato un elemento importante nel mantenere viva la percezione di “casa” come luogo riconoscibile e rassicurante per i ragazzi in questo difficile periodo di isolamento".

Per Torino City Lab la sperimentazione ha avuto un ruolo fondamentale nel progetto di Torino City Love e ha contribuito alla vittoria del contest europeo di living lab realizzato dalla rete ENoLL (European Network of Living Lab).

In corso il monitoraggio che metterà in luce criticità e punti di forza e che ne guiderà gli sviluppi futuri, anche nell'ottica di continuare la sperimentazione e sviluppare una prossima offerta commerciale.